Come non far appannare gli occhiali quando si indossa la mascherina, secondo il New York Times

Sembra che una delle parole d’ordine del mondo in cui ci troviamo sia convivere. Convivere con gli altri individui e convivere con il virus. Uno dei metodi per farlo senza essere contagiati è la mascherina. Ci sono vari tipi di mascherine, che proteggono in modo diverso. Ma per coloro che indossano gli occhiali (cioè i due terzi della popolazione mondiale) non importa il modello di mascherina: la vita con essa sarà ancor più difficile. 

Il New York Times ci viene incontro, con un un articolo del 21 aprile. Pare che una delle domande che sono state poste più di frequente alla redazione riguardo al coronavirus sia stata: «come non far appannare gli occhiali quando si indossa la mascherina?»

Loro hanno dato delle risposte, che vi riportiamo, e noi ne aggiungiamo di nostre. Fateci sapere se qualcuno di questi consigli vi aiuta davvero. Speriamo che questo articolo possa mostrarvi – soprattutto se non indossate gli occhiali – con quanta scrupolosità i giornalisti del New York Times affrontano anche gli argomenti più quotidiani. 

 

Una soluzione che abbiamo provato e che funziona

L’articolo del New York Times non parla di una soluzione utile, economica e definitiva. Stanco di indossare mascherine FFP2 che promettevano di essere molto coprenti e di non far appannare gli occhiali, ma che in realtà non risolvevano il problema, ho dato un’occhiata su Amazon. Un po’ scettico, ho acquistato un panno che prometteva di essere la soluzione.

L’ho pagato una cifra non indifferente per un panno pulisci occhiali ed ero pronto a restituirlo nel caso fosse stato inutile. Alla fine si è rivelata la soluzione definitiva, nonché la più economica!

Si presenta come un normale panno per occhiali. Arriva in una bustina che può richiudersi, non è umido. Dopo aver alitato sulle lenti, si strofina un paio di volte e… il problema si risolve. Con tutte le mascherine in mio possesso, il problema non esisteva più!

Leggi anche:   Una visione del mondo che verrà

Gli occhiali si appannano perché l’aria calda del fiato esce dalla parte superiore 

Quando si indossa la mascherina, il fiato caldo esce dal lato superiore. Dal momento che le lenti sono più fredde del fiato, allora si appannano. Speriamo tutti che quest’estate potremo goderci il bel tempo come tutti gli anni; se però bisognerà ancora indossare la mascherina, ci accorgeremo che gli occhiali si appannano molto meno quando la temperatura esterna è alta

 

Qualche consiglio 

I primi consigli riguardano la parte superiore della mascherina, perché è in quella zona che molto probabilmente nasce il problema (almeno nella maggior parte dei casi). 

  • Modella bene il fil di ferro sulla cima della mascherina. Soprattutto quando lo fai la prima volta, sta’ ben attento a farla aderire il più possibile alla parte superiore del naso, senza che ci siano punti in cui possa passare l’aria. 
  • Fissa bene la mascherina. Se si stringe bene la mascherina, fissando gli elastici, la maggior parte dell’aria passerà attraverso di essa. Fissata bene, fuoriuscirà anche meno aria e migliorerà la situazione degli occhiali.
  • Usa lo scotch o il peso degli occhiali. Ho provato io stesso entrambi i sistemi: possiamo dire che funzionano, anche se sono piuttosto scomodi. Il primo metodo consiste nel fissare la parte superiore della mascherina alla pelle con dello scotch (il New York Times ci consiglia di evitare il nastro non poroso per la carta: meglio quello medico o quello che si usa per le attività sportiva). Il peso degli occhiali può essere un’aggiunta allo scotch, ma a volte funziona anche da solo. Si solleva la mascherina il più possibile, poi si indossano gli occhiali. Il peso degli stessi occhiali dovrebbe bloccare il flusso d’aria. L’efficacia dipende molto dal modello.

 

Leggi anche:   Invito alla lettura di "Un cavallo per la strega" di A. Christie 

Rimedi della nonna 

Prima o poi ci si imbatte nei rimedi della nonna anche sul New York Times. Probabilmente quelli che indicano loro funzioneranno, ma non posso garantire perché non ho intenzione di provarli. Alla redazione del quotidiano americano sono così scrupolosi da indicare anche le ricerche scientifiche che avvalorano i rimedi casalinghi. 

  • Acqua e sapone. Secondo un articolo scientifico del 2011, la ricetta per non far appannare le lenti degli occhiali è la seguente: lavare con acqua e sapone le lenti, poi farle asciugare all’aria. Scientificamente, si dice che il sapone agisce da tensioattivo (abbassa la tensione superficiale di un liquido) e l’acqua insaponata dunque lascia una leggera pellicola che evita che le molecole di acqua diventino gocce e dunque facciano appannare le lenti. Il dottor Malik dell’ospedale universitario di Manchester assicura che, quando opera, le lenti non gli si appannano per almeno mezz’ora, se usa questo metodo. Raccomanda sempre di tenere la mascherina ben stretta. 
  • Aceto o sapone per i piatti. Probabilmente più si azzarda nello sperimentare prodotti sulle lenti dei propri occhiali, più si rischia di rovinarli. Ad ogni modo, qualcuno sostiene che a volte questo metodo possa funzionare.
  • Fai come chi pratica immersioni: sputaci dentro. Questo consiglio, più che utile, è rozzo. Però ci insegna che al quotidiano statunitense quando danno le notizie, le danno sul serio: non tralasciano mai neanche un dettaglio. 

 

E se non funziona nessun rimedio?

Se nessun rimedio funziona, la causa potrebbe essere il tipo di trattamento che hanno subito le lenti. Alcuni rivestimenti che promettono protezione ulteriore dai raggi UV, pare che peggiorino la situazione quando indossiamo una mascherina. 

L’ultima spiaggia: portare avanti gli occhiali per far passare più aria. Se la battaglia contro l’aria che si insinua fra il viso e la mascherina la vince l’aria, allora siamo costretti a portare gli occhiali più in avanti sul naso. In questo modo passa più aria, e non si creerà la fastidiosa nebbia.

Lascia un commento