Un tour in treno per l’Andalusia

La Spagna meridionale è una di quelle mete europee relativamente semplici da raggiungere, ma nelle quali si è costretti a muoversi in auto oppure in treno. Cosa scegliere dipende dalle preferenze personali, ma in quest’articolo proviamo a mostrarvi un possibile itinerario in treno della Spagna moresca.

In questa parte di Spagna si possono ammirare bellezze uniche sul territorio europeo: la dominazione araba risalente all’VII sec d.C. ha lasciato esempi mozzafiato di architettura mudéjar (come, ed è solo l’esempio più famoso, l’Alcázar di Siviglia).

 

 

Leggi anche:   Bradshaw's: i classici delle guide di viaggio

 

Da Madrid a Cordova

Se non avete mai visto la capitale spagnola oppure non vi dispiace ritornarci, iniziare da qui il tour della Spagna può essere una buona idea. Infatti, partendo da Madrid, potete evitare di transitare dagli stessi luoghi più di una volta e vi garantisce comodi e frequenti collegamenti aerei con l’Italia.

Madrid offre strutture ricettive di qualunque livello, dalle più economiche ma efficienti alle più lussuose. La città ha un territorio molto esteso, ma i mezzi pubblici offrono collegamenti capillari con tutte le zone. Se siete in tanti, il servizio di taxi è accessibile anche tramite la app Freenow e l’incredibilmente economico Cabify.

La stazione di Madrid dalla quale partire alla volta di Cordova è Atocha. È un pittoresco terminal ferroviario che ospita al proprio centro una vegetazione lussureggiante. La stazione è raggiungibile con qualunque mezzo, ma, se scegliete il taxi, aspettatevi un esterno simile a un grande e affollato aeroporto. I binari dell’alta velocità (acronimo AVE) sono collocati in una zona sotterranea, alla quale si accede solamente tramite controlli di sicurezza in stile aeroportuale. A causa degli attentati del 2004, per accedere ai treni è necessario sottoporsi a questi controlli di sicurezza.

Gli accompagnatori non possono superare i controlli: i bagagli vengono ispezionati ai raggi X e, a volte, viene usato un metal detector sulle persone. Secondo la nostra esperienza personale, si può portare ciò che si vuole, compresi i liquidi all’interno della valigia, ma non materiali pericolosi o armi di qualunque genere. I controlli scorrono velocemente e, arrivando con tre quarti d’ora di anticipo, non si dovrebbe temere di perdere il treno.

 

 

Leggi anche:   Il sogno dei treni

 

L’accesso ai treni avviene tramite scale mobili: poco prima della partenza, si crea una fila in corrispondenza dei gate, i biglietti vengono controllati nuovamente, si scende di un piano con delle comode scale mobili e si sale in treno. I treni per Màlaga – Marìa Zambrano fermano tutti a Cordova (Cordoba in spagnolo). Il viaggio è su treni moderni che viaggiano a velocità che sfiorano i 300 km/h attraverso la famosa terra bruciata di Spagna. La stazione di Cordova è sotterranea, molto pulita e in zona semicentrale e sicura (il centro è raggiungibile a piedi, ma, se avete l’alloggio nel centro storico, consigliamo un taxi).

La città ha molto da offrire e il centro storico, con la sua moschea, il suo ponte e l’Alcazàr è imperdibile. A margine, abbiamo notato che l’offerta degli hotel è relativamente limitata: la maggior parte delle strutture è collocata nella zona semicentrale moderna. Il centro è facilmente raggiungibile con una passeggiata; la zona adiacente al centro è contraddistinta da un’architettura residenziale di gusto piuttosto vecchio e può lasciare interdetti, se la si confronta con il centro storico.

 

Da Cordova a Granada

La partenza alla volta di Granada è sempre sottoposta ai controlli di sicurezza, ma la stazione è molto più piccola e a misura d’uomo. È presente una sola tavola calda all’interno della stazione. È molto importante chiedere informazioni e leggere attentamente i display sulle porte dei treni, onde evitare errori. I treni, in questa stazione, arrivano in doppia composizione (costituiti, cioè, da due treni attaccati): un treno parte per un’altra destinazione e l’altro viaggia in direzione Granada. Il personale di stazione spesso parla male l’inglese e si può rischiare di sbagliare. Vi consigliamo caldamente di chiedere informazioni e osservare bene i display sui convogli.

 

 

Il viaggio in direzione Granada vi permetterà di ammirare la bellissima Sierra Nevada, le cui cime sono spesso innevate, appunto. Fino a quando verrà inaugurata la nuova linea, il viaggio nella sua parte finale è lento e tortuoso: ciò vi permetterà di ammirare i panorami desolati ma affascinanti di questa parte di Spagna.

La stazione di Granada è posta ai margini della città: se il vostro alloggio è vicino alla cattedrale, alla Gran Vìa oppure nei pressi del quartiere arabo, vi consigliamo di preferire il taxi alla lunga passeggiata con le valige. Poiché arrivano pochi treni, i tassisti arrivano a raccogliere i passeggeri nell’orario di maggiore afflusso. Una fila di pochi minuti vi permetterà di raggiungere comodamente il centro.

 

Leggi anche:   Guida alle decorazioni dell'Alhambra

 

Da Granada a Siviglia: scegliete la soluzione con cambio perché è più panoramica

Dopo aver visitato l’incredibile Alhambra è ora di dirigersi verso la sempre calda Siviglia. In fase di prenotazione, vi consigliamo di optare per la seguente soluzione: prendere un treno Avant (Intercity) Granada – Antequeira – S. Ana e poi un treno MD (simile a un Regionale veloce italiano) fino a Siviglia. Innanzitutto, la soluzione è più economica di quella diretta e poi vi permette di ammirare paesaggi indimenticabili. Badate bene al fatto che il primo treno sarà diretto a Siviglia, ma voi dovrete scendere e cambiare.

Il cambio ad Antequeira è molto semplice: ci sono agenti di stazione che vi mostrano la direzione e il treno corrispondente di solito attende i passeggeri (i 9 minuti di cambio bastano e avanzano). La stazione è immersa nel territorio desertico andaluso ed è molto moderna. Il convoglio per Siviglia è molto piccolo, ma relativamente moderno; i posti sono assegnati sul biglietto. È un treno diesel molto lento che vi porterà lungo un tracciato a binario singolo che si snoderà, fra sobbalzi e fermate, lungo la pianura andalusa: vegetazione che resiste alla canicola estiva, allevamenti di tori e minuscoli paesi rurali vi rimarranno impressi per lungo tempo. Nonostante i territori isolati, la sicurezza di solito non è per nulla un problema.

 

La stazione di Siviglia è molto simile a quella di Madrid come dimensione e collocazione. Vi consigliamo di raggiungere il centro in taxi, perché le distanze sono piuttosto ampie. Siviglia è una grande metropoli: la visita all’Alcazàr e alla Giralda sono imperdibili.

 

 

Lascia un commento